Comunicato stampa 5

Stampa

No alla Turbogas di Corinaldo: finalmente la Regione si è pronunciata. Una saggia decisione. Ora è importante insistere anche presso il Ministero competente.

La notizia è stata poco diffusa, tuttavia il fatto è di grande importanza... La Giunta Regionale, in data lunedì 21/02/2011, con propria Delibera n° 236/11 ha detto il proprio NO alla Turbogas di Corinaldo proposta da Edison SpA esprimendosi al massimo livello possibile di efficacia giuridica; la volontà regionale così dichiarata, corredata da ampia motivazione, non esaurisce definitivamente il procedimento, in quanto il nostro ordinamento conferisce allo Stato una potestà di pari livello in materia di grandi impianti energetici, ma sicuramente costituisce un importantissimo passo avanti verso il consolidamento definitivo del diniego al progetto. Tale passaggio di fase potrebbe comunque avere valore definitivo, anche se ciò è solo probabile e non assolutamente certo.

Per essere più precisi, la Regione Marche ha deliberato “di comunicare preventivamente, ai sensi della legge 55/2002, al Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per l’energia, il diniego all’intesa per la realizzazione di una centrale termoelettrica a ciclo combinato, della potenza di 870 MWe, da realizzarsi in Comune di Corinaldo (AN) come proposta dalla Società Edison SpA”.

Questa saggia decisione, che per la verità si era fatta molto attendere, è senz’altro benvenuta ed è di grande importanza. Altrettanto benvenuti saranno progetti e azioni che mirano a promuovere il nostro territorio in modo sostenibile, puntando specialmente sul turismo sostenibile e la promozione della tipicità. Non si ama dire ‘no’ a tutto, per istintiva prevenzione o paura, ma è giusto dire ‘no’ a progetti inappropriati e dannosi come la Centrale Turbogas; che a questa linea di ragionamento vi aderisca anche la Regione, già sulla base di una Delibera di Consiglio che abbracciava tutti gli schieramenti, è buon segno che senz’altro apre, almeno potenzialmente, a rapporti più costruttivi fra politica e cittadini.

Sollecitiamo ora i nostri amministratori soltanto ad agire presso il Ministero dello Sviluppo Economico affinché questo concluda definitivamente la questione, concludendo cioè il procedimento. Le residue incertezze si riflettono infatti in incertezze economiche e di politica sul territorio, e in tempi di crisi lasciare che queste persistano per lungo tempo non è buona cosa.

Per parte nostra, non esauriamo certo qui la nostra missione di seguire con attenzione la questione e  invitiamo anzi tutti i cittadini a non dimenticarsene, perché non si può ancora essere sicuri, che questo progetto sbagliato, inadeguato per il nostro territorio, sia anche definitivamente tramontato.


Città Attiva Corinaldo

Indirizzo

Associazione Città attiva Corinaldo
Via Madonna del Piano 68
60013 | Corinaldo | Ancona
C.F. 92024820422
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Home | Note legali | Mappa del sito

 

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Contattaci

Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

laboratorio7.org